Scuola Primaria

“Chi sa di essere amato, ama… e chi è amato ottiene tutto, specialmente dai giovani” (Don Bosco)

La scuola Primaria, in continuità con la scuola dell’ Infanzia, ha come compito quello di educare istruendo in conformità con quanto è espresso nelle Nuove Indicazioni per il curricolo per la scuola dell’Infanzia e per il primo ciclo di istruzione. ( Ministro Fioroni settembre 2007)

OBIETTIVI DEL SERVIZIO

Educare istruendo significa essenzialmente tre cose:

  • Consegnare il patrimonio culturale che ci viene dal passato perchè non vada disperso e possa essere messo a frutto
  • Preparare al futuro introducendo i giovani alla vita adulta, fornendo loro quelle competenze indispensabili per essere protagonisti all’interno del contesto economico e sociale in cui vivono
  • Accompagnare il percorso di formazione personale che uno studente compie, sostenendo la sua ricerca di senso e il faticoso processo di costruzione dalla propria personalità.

Nell’”e-ducere”, cioè nel tirar fuori ciò che si è, nella relazione con gli altri, s’impara ad apprendere.

La scuola Primaria quindi costituisce una delle formazioni sociali basilari per lo sviluppo della personalità del bambino in tutte le sue componenti, quali l’identità intesa come conoscenza di sé, la relazione con gli altri e l’orientamento.

Aiuta a superare le forme di egocentrismo e a praticare i valori del reciproco rispetto, della partecipazione, della cooperazione e della solidarietà.

Promuove negli alunni l’acquisizione di tutti i tipi di linguaggio e favorisce il passaggio dalle abilità e conoscenze personali alle competenze, attraverso le esperienze e la mediazione didattica.

Sviluppa progressivamente in ogni alunno la propria capacità di autonomia di giudizio, sufficiente per valutare se stessi, le proprie azioni, i fatti e i comportamenti individuali umani e sociali degli altri, alla luce di parametri derivati dai valori che ispirano la convivenza civile.

Favorisce la consapevolezza della necessità dell’impegno personale e del rispetto delle responsabilità assunte all’interno di un gruppo di persone.

I docenti si adoperano  per rimuovere gli effetti negativi dei condizionamenti sociali, per superare le situazioni di svantaggio culturale e per favorire il massimo sviluppo di ciascuno, garantendo l’uguaglianza delle opportunità educative.

Pertanto gli obiettivi formativi si sviluppano in due prospettive:

1. Obiettivi socio-relazionali

  • Identità ( Conoscenza di sé, relazione con gli altri, orientamento)
  • Convivenza civile

2. Obiettivi cognitivi

  • Espressione
  • Logica
  • Qualità dell’offerta formativa

In linea con quanto stabilito dalle Indicazioni per il curricolo, la scuola:

  • Progetta percorsi interdisciplinari di classe e percorsi per le singole discipline, definendo per queste ultime le competenze in uscita in ordine ai traguardi per lo sviluppo delle competenze
  • Progetta percorsi interdisciplinari per l’educazione alla convivenza civile
  • Amplia L’Offerta formativa dalle ventisette ore settimanali di base previste, alle trenta ore  attraverso l’attivazione di laboratori rivolti all’intero gruppo classe e/o a classi aperte
  • Attiva incontri settimanali in cui tutti gli insegnanti del team sono impegnati nella progettazione e nella verifica dei percorsi formativi
  • Organizza momenti di incontro con le famiglie in cui gli insegnanti esplicitano il contratto formativo.

ORARIO

L’orario settimanale obbligatorio  viene svolto nei giorni di

Lunedì, martedì, giovedì dalle ore 8.30 alle ore 16.00 (pausa pranzo ore 12.30- 13.30)

Mercoledì e venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.30

Per coloro che scelgono l’ampliamento dell’orario fino  alle 30 ore settimanali vengono organizzati laboratori nei giorni di mercoledì ore 13.30-16.00 (con possibilità della mensa).

In questi laboratori verranno organizzate attività tenendo conto dei bisogni della classe.

Di venerdì è possibile usufruire di un servizio aggiuntivo di “doposcuola”, in cui i bambini svolgono  i compiti assegnati nel fine settimana.

SCELTA DEI CONTENUTI

Tenendo presenti le Nuove Indicazioni per il curricolo  vengono progettate le attività, su cui far confluire le discipline, per ogni singola classe individuando i bisogni formativi della classe a partire dalle otto competenze europee “Assi” di Fioroni:

  • imparare ad imparare,
  • progettare,
  • comunicare con i linguaggi delle discipline,
  • agire in modo autonomo e responsabile,
  • risolvere i problemi,
  • individuare collegamenti e relazioni,
  • acquisire e interpretare le informazioni. partendo dai bisogni degli alunni, delle famiglie e del territorio

Gli insegnanti del team operano scelte pedagogiche per valorizzare l’esperienza diretta degli alunni e, quindi, il loro patrimonio conoscitivo, valoriale e comportamentale e favorire la progressione e la sicurezza degli apprendimenti di ciascuno.

Gli insegnati impostano il loro lavoro collegiale su una continua interazione docente- alunno.

Asilo Nido, Scuola dell’Infanzia, Scuola Primaria